provincia
provincia
Enti locali

"Ecocampus", il flop della Provincia di Barletta Andria Trani

Vinto il progetto nel 2012 ma mai realizzato. Restituiti 170mila euro

Elezioni Regionali 2020
Un progetto vinto e finanziato la cui somma corrisposta per realizzarlo viene restituita perchè non si è riusciti a spendere le risorse. E' quanto accaduto per il progetto "EcoCampus" presentato dalla Provincia di Barletta Andria Trani e finanziato dalla Regione Puglia con una prima tranche di 170mila euro. Il 5 dicembre del 2012, l'annuncio dell'ente provinciale che ha visto finanziato il progetto "EcoCampus" dalla Regione per un totale di 270mila euro. L'EcoCampus si sarebbe dovuto realizzare all'interno dell'Azienda Agricola Papparicotta di Andria per un progetto che prevedeva la realizzazione di attrezzature specifiche per lo svolgimento di sport immersi nella natura. Ma il progetto finanziato non è mai stato avviato ed anzi la Provincia ha pensato di studiare un modo per implementarlo e per partecipare ad un secondo bando, questa volta attraverso il GAL "Le Città di Castel del Monte" per completare l'intera riqualificazione.

Dalle semplici strutture sportive e percorsi avventura all'interno dell'azienda, di conseguenza, per completare l'intervento nell'area del parco, destinata ad Osservatorio faunistico, si è pensato di immaginare anche la ristrutturazione degli jazzi insistenti nell'area, prevedendo per essi una destinazione finalizzata allo sviluppo di attività didattiche, culturali, ricreative di utilità sociale, rivolte, in particolar modo, a specifiche fasce di utenza, per il raggiungimento di obiettivi di inclusione ed integrazione sociale, in un contesto totalmente rurale che offre numerosi stimoli naturalistici e faunistici. Con Delibera di Giunta n.55 del 12/07/2013, è stato approvato, ai fini della candidatura al bando GAL "Le città di Castel del Monte" misura 321 "Servizi essenziali per l'economia e le popolazioni rurali", il progetto di investimento denominato "EcoCampus Integra", per l'importo che ammontava complessivamente ad € 353.233,63 per la parte infrastrutturale e l'arredo e ad €80.000,00 per la gestione dei primi tre anni. Per questo progetto fu previsto il cofinanziamento della spesa totale di € 74.179,00 quale quota dell'IVA prevista dal bando.

Una cronistoria dovuta che ha un passaggio essenziale nel momento in cui a giugno del 2014 la Provincia ottiene dalla Regione Puglia la prima parte del finanziamento e cioè 170mila euro. La Provincia, ha accertato l'entrata nel mese di novembre, stesso periodo nel quale ha chiesto una rimodulazione del progetto stesso perchè impossibilitata a far fronte alla quota di co-finanziamento. La Regione ha semplicemente risposto che tutte le attività dovevano realizzarsi entro il febbraio del 2015 e l'ente provinciale non è riuscito a rispettare il termine ultimo. Ed arriviamo alla determinazione dirigenziale n° 2154/15 del 29 dicembre scorso che, difatto, prende atto della non avvenuta spesa del finanziamento ricevuto e della necessità di restituire i soldi all'ente stesso di provenienza.
  • provincia BAT
Altri contenuti a tema
Contratto istituzionale di sviluppo, il Pes incontra Francesco Boccia Contratto istituzionale di sviluppo, il Pes incontra Francesco Boccia “Il Ministro e il presidente della Bat hanno colto subito la sfida: stimolare politiche e progetti per il territorio”
Capitale della cultura 2021, Lodispoto: «Finalmente unità» Capitale della cultura 2021, Lodispoto: «Finalmente unità» «Visione di insieme ed esclusivo interesse verso il territorio»
Capitale della Cultura 2021, la Bat fa sintesi su un solo candidato Capitale della Cultura 2021, la Bat fa sintesi su un solo candidato Barletta ritira la sua candidatura e resta solo Trani
Uffici provinciali temporaneamente trasferiti da Andria a Barletta Uffici provinciali temporaneamente trasferiti da Andria a Barletta La sede legale di piazza San Pio X fino al settembre 2020, sarà interessata da lavori di adeguamento strutturale
Comitato permanente Protezione Civile, esclusi presidenti province di Puglia Comitato permanente Protezione Civile, esclusi presidenti province di Puglia Ladispoto (Bt): «Profondamente rammaricato per la scelta del consigliere Mennea»
Piano d’Azione Bat 2030, il Pes chiede fondi alla regione Puglia Piano d’Azione Bat 2030, il Pes chiede fondi alla regione Puglia «In Bilancio 500mila euro l’anno per elaborazione il Piano»
Protocollo d'intesa provincia Bat per favorire l'accessibilità dei diversamente abili Protocollo d'intesa provincia Bat per favorire l'accessibilità dei diversamente abili Si tratta di una collaborazione programmatica sulle tematiche della disabilità
Provincia Bat: Prioritari gli interventi per scuole, strade e servizi alle fasce più deboli Provincia Bat: Prioritari gli interventi per scuole, strade e servizi alle fasce più deboli Rosa Cascella, vice Presidente provinciale aggiunge: "chiesto di sbloccare le procedure di reclutamento del personale"
© 2001-2020 MargheritaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MargheritaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.