Gesù
Gesù
Vita di città

Coronavirus, il messaggio dei parroci di Margherita di Savoia

«Restate a casa come gesto d'amore e di collaborazione»

«Ognuno di noi è custode dell'altro. Dobbiamo restare a casa per spezzare il contagio». È questo il messaggio inviato dai parroci delle quatto parrocchie di Margherita di Savoia ai propri fedeli in questo periodo di emergenza dovuto alla diffusione del Covid-19, comunemente chiamato Coronavirus, fra la popolazione italiana.

«Saluto i salinari che vivono nelle zone più colpite dal virus», ha affermato don Matteo Martire parroco della chiesa madre del Santissimo Salvatore che, come l'ha lui stesso definita, «è la casa spirituale di tutta la città. Stiamo attraversando un momento di prova - ha continuato don Matteo -. Ma noi non dobbiamo scoraggiarci perché crediamo nel mistero pasquale, anche se quest'anno vivremo in maniera diversa la settimana santa. Ricordo a tutti che l'obbedienza a una legge è una forma di amore verso Dio e verso i fratelli. Il Santissimo Salvatore lungo il corso della storia ha sempre protetto la sua città allontanando epidemia e aiutandola durante i periodi di guerra. Lui continuerà a custodirci».

«Fermare il desiderio di farci una passeggiata sul lungomare non è facile me è necessario». Il messaggio di don Luigi Ciprelli, parroco della parrocchia della Beata Maria Vergine Ausiliatrice è rivolto in particolare ai giovani: «Avete in mente i supereroi visti nei film che rischiano anche la loro vita per salvare la città? Bene, adesso siete chiamati a comportarvi un po' come loro. Dobbiamo rinunciare a qualcosa per restare in casa e collaborare con i sindaci e le autorità impegnate sul campo nella lotta al virus. Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare. Ma questo non è un gioco, è la vita».

«Grazie a chi lavora con tanta armonia. Grazie al sindaco, ai vigili, ai carabinieri e ai volontari dell'Avm». Il parroco della parrocchia di San Pio, don Michele Schiavone, consegna ai fedeli un motto: «Stare a casa vuol dire custodire, amare, salute, armonia». Padre Nico e fratello Alessandro dalla parrocchia della Madonna Addolorata chiedono ai fedeli di restare nelle proprie abitazioni «per preservare la salute e in pieno spirito di collaborazione. Non è un messaggio pedante, ma vuol dire volerci bene».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Quarto contagio da Covid-19, Lodispoto: «No a caccia alle streghe via social» Quarto contagio da Covid-19, Lodispoto: «No a caccia alle streghe via social» «Rispettate l'intimità di chi soffre, siate solidali»
Un dispiegamento di forze dell'ordine pattuglia le strade della città Un dispiegamento di forze dell'ordine pattuglia le strade della città In tutto 15 fra agenti e militari per le vie di Margherita di Savoia
In diretta la celebrazione eucaristica del giorno In diretta la celebrazione eucaristica del giorno Presieduta da don Matteo Martire
Un aiuto per i bisognosi al posto della festa di compleanno, il gesto di una bambina di 10 anni Un aiuto per i bisognosi al posto della festa di compleanno, il gesto di una bambina di 10 anni «Sii gentile, abbi coraggio», il suo motto
Coronavirus, terzo caso di positività a Margherita di Savoia Coronavirus, terzo caso di positività a Margherita di Savoia I primi due stanno bene. Sono negativizzati
In diretta la celebrazione eucaristica del giorno In diretta la celebrazione eucaristica del giorno Presieduta da don Matteo Martire
Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo Il messaggio del sindaco Bernardo Lodispoto
Coronavirus, Raf ai suoi fans: «Vi prego, restate a casa» Coronavirus, Raf ai suoi fans: «Vi prego, restate a casa» Il cantautore di Margherita di Savoia lancia l'appello via social
© 2001-2020 MargheritaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MargheritaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.