Pesca
Pesca
Territorio

Stop alla pesca, la protesta di Coldiretti

«Fermo biologico ormai inadeguato, favorisce la concorrenza sleale»

Stop al pesce fresco a tavola lungo tutto l'Adriatico con l'avvio da ieri, lunedì 13 agosto, del blocco delle attività di pesca nei tratti di costa da San Benedetto a Termoli e tra Manfredonia e Bari che durerà per 42 giorni consecutivi fino al 23 settembre.

A darne notizia è Coldiretti Impresapesca nel sottolineare che il fermo biologico segue quello già scattato il 30 luglio scorso da Trieste ad Ancona che rimarrà in vigore fino al 9 settembre. Dopo l'Adriatico la prossima tappa del fermo biologico 2018 - spiega Impresapesca Coldiretti - sarà il Tirreno, da Brindisi a Roma dal 10 settembre al 9 ottobre e da Civitavecchia a Imperia dal 1° ottobre al 30 ottobre.

«Il blocco delle attività della flotta da pesca italiana in tutto l'Adriatico, per cui chiediamo da tempo una radicale modifica, ha determinato negli anni in Puglia un crollo della produzione, la perdita di oltre 1/3 delle imprese e di 18.000 posti di lavoro, con un contestuale aumento delle importazioni dal 27% al 33%», denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele.

Il numero uno di Coldiretti Puglia, inoltre, sottolinea che «il fermo biologico non risponde più da tempo alle esigenze della sostenibilità delle principali specie target della pesca nazionale, tanto che lo stato delle risorse nei 33 anni di fermo pesca è progressivamente peggiorato, come anche parallelamente lo stato economico delle imprese e dei redditi».

«Con il fermo pesca aumenta il rischio - denuncia Coldiretti Puglia - di ritrovarsi nel piatto per grigliate e fritture prodotto straniero o congelato. Il settore soffre la concorrenza sleale del prodotto importato dall'estero e spacciato come italiano, soprattutto nella ristorazione, grazie all'assenza dell'obbligo di etichettatura dell'origine».
  • Pesca
Altri contenuti a tema
Risorse UE per la pesca, Ventola: «Regione sotto organico, rischiamo di perdere i finanziamenti» Risorse UE per la pesca, Ventola: «Regione sotto organico, rischiamo di perdere i finanziamenti» La nota del consigliere regionale Francesco Ventola
Pesca, Galantino (M5S): «Obiettivo: sbloccare i pagamenti per il fermo biologico 2016» Pesca, Galantino (M5S): «Obiettivo: sbloccare i pagamenti per il fermo biologico 2016» La nota del deputato biscegliese del Movimento Cinque Stelle
Torna il pesce fresco, fine del fermo biologico Torna il pesce fresco, fine del fermo biologico Via libera ai pescherecci in tutto l’Adriatico per rifornire dall’inizio della settimana i mercati
Fermo pesca, Gatta presenta mozione per erogazione delle liquidazioni pregresse Fermo pesca, Gatta presenta mozione per erogazione delle liquidazioni pregresse Nota del vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta (Fi). 
Settore pesca, a Margherita di Savoia un incontro coi responsabili del GAL DaunOfantino Settore pesca, a Margherita di Savoia un incontro coi responsabili del GAL DaunOfantino L'incontro si terrà il 7 settembre
Fermo pesca, la protesta di Coldiretti Fermo pesca, la protesta di Coldiretti L'associazione di categoria chiede una modifica dello strumento di gestione
“Chiederemo che i diritti diventino la normalità anche per i lavoratori della pesca” “Chiederemo che i diritti diventino la normalità anche per i lavoratori della pesca” “Che pesci prendere?”: la campagna della Flai Cgil arriva nella Bat
Pubblicati due avvisi pubblici dedicati al settore pugliese della pesca Pubblicati due avvisi pubblici dedicati al settore pugliese della pesca I bandi riguardano due misure per il rilancio della pesca e dell'acquacoltura
© 2001-2018 MargheritaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MargheritaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.