Plastic Radar
Plastic Radar
Associazioni

Greenpeace lancia Plastic Radar, contro i rifiuti sulle spiagge

Una applicazione consente di segnalare la presenza di rifiuti di plastica

Greenpeace ha lanciato nei giorni scorsi Plastic Radar, un servizio per segnalare la presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o che galleggiano sulla superficie dei mari italiani. È possibile partecipare all'iniziativa utilizzando la più comune applicazione di messaggistica istantanea, Whatsapp, inviando le segnalazioni al numero di Greenpeace +39 342 3711267.

Attraverso il sito plasticradar.greenpeace.it sarà possibile consultare i risultati e scoprire quali sono le tipologie di imballaggi più comuni nei mari italiani, a quali categorie merceologiche appartengono, se sono in plastica usa e getta o multiuso e da quali mari italiani arriva il maggior numero di segnalazioni.

"Le spiagge e i fondali marini sono soffocati dalla plastica. Con questa iniziativa invitiamo tutti gli amanti del mare a non rassegnarsi a convivere con la presenza di rifiuti in plastica ma ad accendere i riflettori su questo grave inquinamento che rappresenta una delle emergenze ambientali più gravi dei nostri tempi" dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

L'iniziativa è alla portata di tutti, basta avere un telefono cellulare su cui sia installata l'applicazione Whatsapp e, una volta ritrovato un rifiuto in plastica sulle spiagge, sui fondali o sulla superficie dei mari italiani, segnalarlo al numero di Greenpeace +39 342 3711267 tramite l'applicazione. Per effettuare una segnalazione sarà necessario scattare una foto del rifiuto e, se possibile, fare in modo che sia riconoscibile il marchio e il tipo di plastica di cui è costituito. Successivamente va inviata aGreenpeace, insieme alle coordinate geografiche del luogo dove è stato individuato il rifiuto. Ogni segnalazione viene elaborata da Greenpeace e i dati relativi a tipo di rifiuto e posizione saranno disponibili in forma aggregata - nell'arco di 24-48 ore - sul sito plasticradar.greenpeace.it

"L'iniziativa, oltre a far luce sui rifiuti in plastica più presenti nei mari italiani, vuole individuare anche i principali marchi che, da anni, continuano a immettere sul mercato enormi quantitativi di plastica, principalmente usa e getta, non assumendosi alcuna responsabilità circa il suo corretto riciclo e recupero" dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. "Se vogliamo fermare l'inquinamento da plastica nei nostri mari, è necessario che le grandi aziende affrontino concretamente le loro responsabilità, in particolare riguardo la plastica monouso, avviando immediatamente programmi che riducano drasticamente il ricorso all'utilizzo di imballaggi e contenitori in plastica usa e getta" conclude Ungherese.

Nei mesi scorsi Greenpeace ha lanciato una petizione (no-plastica.greenpeace.it), sottoscritta da più di un milione di persone in tutto il mondo, in cui si chiede ai grandi marchi come Coca-Cola, Pepsi, Nestlé, Unilever, Procter & Gamble, McDonald's e Starbucks di ridurre drasticamente l'utilizzo di contenitori e imballaggi in plastica monouso.
  • Rifiuti
  • Greenpeace
Altri contenuti a tema
Rifiuti, il consiglio intercomunale ha deciso: fuori dal Consorzio FG4 e via all'ARO BT3 Rifiuti, il consiglio intercomunale ha deciso: fuori dal Consorzio FG4 e via all'ARO BT3 Seduta comune dei consigli comunali di Margherita di Savoia, Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia
Convocato il consiglio intercomunale: si discute dell'ARO BT 3 Convocato il consiglio intercomunale: si discute dell'ARO BT 3 I tre comuni si riuniranno a Trinitapoli il prossimo 24 settembre
Bando rifiuti, l'amministrazione: «Non c'erano i presupposti per partecipare» Bando rifiuti, l'amministrazione: «Non c'erano i presupposti per partecipare» Dal comune spiegano le motivazioni che hanno portato a non partecipare al bando da 3 milioni di euro
Rifiuti: bando da 3 milioni ma Margherita di Savoia non c'è Rifiuti: bando da 3 milioni ma Margherita di Savoia non c'è Il comune salinaro non ha neanche partecipato al bando regionale
Rifiuti, 3 sindaci: “Andiamo avanti secondo quanto stabilito in Prefettura” Rifiuti, 3 sindaci: “Andiamo avanti secondo quanto stabilito in Prefettura” I tre primi cittadini danno forfait all'incontro di Cerignola
L'Asipu di Corato salverà i lavoratori di SIA srl L'Asipu di Corato salverà i lavoratori di SIA srl A Foggia l'incontro risolutivo
Emergenza rifiuti, la questione arriva in Parlamento Emergenza rifiuti, la questione arriva in Parlamento Interrogazione del deputato di Fratelli d'Italia Marcello Gemmato
Caos rifiuti, i sindaci chiedono l'intervento dell'Esercito Caos rifiuti, i sindaci chiedono l'intervento dell'Esercito Il grido di allarme inoltrato ai prefetti e ai ministri
© 2001-2018 MargheritaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MargheritaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.