rifiuti
rifiuti
Politica

Aliquota ecotassa al massimo, il PD protesta: «È la più alta della provincia»

Duro attacco dei democratici salinari verso l'amministrazione comunale

La Regione Puglia ha determinato le aliquote per il conferimento in discarica dei rifiuti. Margherita di Savoia dovrà pagare la tariffa massima, ossia 25.82 euro per tonnellata di rifiuti da smaltire in discarica, non avendo raggiunto gli obiettivi minimi di raccolta differenziata definiti dalla Regione. Motivo per il quale il Partito Democratico, in una piccata nota, individua nelle politiche adottate dall'amministrazione comunale la causa del mancato raggiungimento degli obiettivi e quindi dell'aggravio della ecotassa.

Ecco ciò che scrivono dal partito.

«Per i cittadini Salinari arriva un bel regalo di Natale dal Sindaco Marrano e dal suo "Super Assessore" all'Ambiante.
Con determina della Regione Puglia n. 251 del 30 ottobre 2017 si è proceduto alla validazione delle percentuali di raccolta differenziata dei Comuni per la determinazione del tributo speciale del conferimento in discarica dei rifiuti, oltre alla contestuale assegnazione a ciascun Comune della provincia Barletta- Andria- Trani dell'aliquota 2018.
Il comune di Margherita di Savoia pagherà l'aliquota più elevata dell'intera provincia, il massimo dell'aliquota sull'ecotassa per i rifiuti, ovvero 25,82 euro per tonnellata smaltita in discarica, un aggravio enorme per i già tartassati abitanti di Salinari.

L'amministrazione Marrano non è riuscita a raggiungere un obiettivo previsto per legge, che non è stato raggiunto nonostante quasi 5 anni di amministrazione.
Per il Comune di Margherita di Savoia non c'è alcuna elevata qualità della frazione organica raccolta in maniera separata; manca una elevata qualità di raccolta degli imballaggi, attraverso sistemi di raccolta monomateriale; è completamente assente la possibilità di una elevata qualità del sistema di monitoraggio e controllo della raccolta anche mediante sistemi informativi territoriali.
Per non parlare del mancato raggiungimento del 65% di raccolta differenziata che per legge doveva avvenire a dicembre del 2012.

Ad oggi nonostante le sollecitazioni dell'Osservatorio regionale sulla gestione dei rifiuti pugliese non risulta inviata nessuna documentazione e certificazione richiesta, tale inefficienza ha determinato una costante emergenza ambientale e sociale oltre che un aggravio di tasse a carico del cittadino.

Ci ritroviamo in una situazione di illegalità diffusa dovuta al comportamento degli amministratori locali e purtroppo i Salinari dovranno sobbarcarsi adesso l'onere di questa inefficienza».
  • partito democratico
  • Rifiuti
Altri contenuti a tema
Partito Democratico, ecco i componenti della nuova segreteria Partito Democratico, ecco i componenti della nuova segreteria I nomi della squadra che sarà al fianco del segretario Emanuele Quarta
Rifiuti, il Sindaco risponde alle accuse di Lodispoto Rifiuti, il Sindaco risponde alle accuse di Lodispoto "Di quale emergenza va parlando l'avvocato 'pasticcione'?"
Tassa sui rifiuti, l'amministrazione incontra i cittadini Tassa sui rifiuti, l'amministrazione incontra i cittadini Indetto per domani un appuntamento pubblico al Liceo Scientifico
Il Partito Democratico per Renzi, riunito il coordinamento Bat Il Partito Democratico per Renzi, riunito il coordinamento Bat Il delegato per Margherita di Savoia sarà Antonio Valentino
Raccolta rifiuti, il progetto per due isole ecologiche Raccolta rifiuti, il progetto per due isole ecologiche L'amministrazione acquisterà due postazioni per ridurre l'abbandono dei sacchetti
Basta rifiuti per strada, nuove postazioni per i rifiuti Basta rifiuti per strada, nuove postazioni per i rifiuti Fino a dicembre la sperimentazione che affianca la normale raccolta
Rivoluzione nella raccolta differenziata, arrivano le prime postazioni mobili Rivoluzione nella raccolta differenziata, arrivano le prime postazioni mobili Da lunedì saranno attive sette postazioni con un apposito calendario
Raccolta rifiuti, da ottobre sperimentazione con postazioni mobili Raccolta rifiuti, da ottobre sperimentazione con postazioni mobili Saranno dislocate in vari punti per prevenire l'abbandono dei rifiuti
© 2001-2017 MargheritaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MargheritaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.